Le fibre muscolari

 

basketball 784097 1920
Esistono 3 diversi tipi di fibre muscolari, differenti per velocità e forza di contrazione, affaticabilità e profilo biochimico.  

  1. Le fibre  di tipo 1 o slow twich, hanno un tempo di contrazione in una scossa singola relativamente lento. Sono fibre resistenti alla fatica ( dopo 5 minuti di stimolazione tetanica massimale non si osservano riduzioni significative di forza sviluppata. Queste fibre sono sono piccole e possiedono un basso numero di filamenti contrattili, che è il motivo per cui non sviluppano forza rilevanti; hanno un metabolismo principalmente ossidativo, date le loro capacità funzionali, poiché per la produzione prolungata di ATP vengono utilizzati glucosio e ossigeno forniti dal flusso ematico (sangue).  Sono molto vascolarizzate, possiedono un'elevata quantità di mitocondri e molta emoglobina, che lega ed immagazzina O2 necessario per le reazioni metaboliche.
  2. Le fibre di tipo 2B o fast twich sono fibre veloci e velocemente affaticabili. Hanno una contrazione più veloce rispetto alla fibre di tipo 1 poiché hanno dimensioni maggiori e ciascuna sviluppa una forza maggiore. Come particolarità possiedono una isoforma diversa di miosina, che permette la formazione più veloce di ponti actina-miosina, più efficaci nello sviluppo della forza. Date le loro caratteristiche vanno incontro ad un affaticamento precoce ( dopo 1 minuto di stimolazione tetanica massimale la F sviluppata è notevolmente ridotta ) e si basano un metabolismo anaerobio.  Hanno una grande scorta di glicogeno e gli enzimi necessari per la conversione in lattato. Possono sostenere sviluppi di F per tempi limitati poiché pure essendo grandi, le scorte di glicogeno sono limitate e richiedono tempo per essere rifornite, con un processo metallico che comporta accumulo di lattato.
  3. Le fibre di tipo 2A o miste, hanno proprietà funzionali e biochimiche intermedie.

Nel nostro corpo ci sono muscoli in cui predominano i vari tipi di fibre:

  • i muscoli in cui predominano fibre di tipo 1, lente, sono ricchi di mioglobina ed hanno un colore rossastro; sono in grado di sviluppare forza per tempi prolungati e sono deputati ad attività principalmente di tipo tonico/antigravitario;
  • i muscoli in cui predominano unità motrici composte da fibre di tipo 2A, veloci, sono poveri di mioglobina, sono meno vascolarizzati e hanno di conseguenza un colore più pallido; sono capaci di sviluppare F rilevanti ma per tempi limitati e per questo motivo sono principalmente deputati ad attività di tipo fisico.
Un motoneurone e le fibre muscolari da esso innervate costituiscono un'unità motrice. Ciascuna unità motrice è composta da fibre muscolari tutte dello stesso tipo e si trovano vicine alla stessa parte del muscolo, ma sparse in mezzo a fibre di unità diverse.

Su base genetica ed in parte in base all'attività fisica o allo sport che si farà si possono "allenare principalmente" alcuni tipi di fibre. La componente genetica rimane predominante, ma la si può variare leggermente, soprattutto da piccoli e per quanto riguarda la "trasformazione" da fibre veloci a fibre lente.

La conoscenza della fisiologia è la base per l'impostazione di un corretto allenamento, adeguato agli obiettivi che si vogliono raggiungere, sia da punto di vista sportivo che per un "semplice" mantenersi in forma ed in Salute

 

CONTATTI

Segreteria 011 4274121
Direzione
+39 333 1224744

Corso Allamano 70/5
Rivoli (TO)

EMAIL
info@eygea.it