MINDFULNESS E DINTORNI – la consapevolezza del presente migliora le connessioni cerebrali e la chimica del corpo

MINDFULNESSCome avevano già intuito diverse centinaia di anni fa i medici cinesi, osservare attentamente tutti gli eventi, momento per momento, così come sono, senza filtrarli attraverso la propria mente, senza catalogarli come “giusti” o “sbagliati”, “positivi” o “negativi” ci porta alla riduzione dello Stress attraverso la consapevolezza.
Ed è questo tipo di consapevolezza attiva che i programmi di Mindfulness codificati da John Kabat Zinn, ricercano nella pratica (Mindfulness-Based Stress Reduction), per “tenere a bada”, senza scacciarli, pensieri ricordi ed emozioni “disturbanti” e connettersi continuamente con il presente.

Solo se impariamo a viaggiare nel mondo osservando con attenzione e curiosità le cose e le persone che incontreremo sul nostro cammino, accumuleremo nel nostro cervello un mare di esperienze, nozioni, coloro, suoni, profumi e sapori. Ognuna di queste informazioni sedimentate nella nostra mente formerà la base della nostra intelligenza intuitiva, e al momento giusto riaffiorerà permettendoci di creare qualcosa di unico e raro.


Infatti, “…creatività è semplicemente collegare le cose. Quando chiedi alle persone creative come hanno creato qualcosa, non sanno dare una spiegazione. Hanno semplicemente “visto” qualcosa perché sono capaci di connettere le esperienze maturate e con queste sintetizzare cose nuove. Le persone che hanno avuto poche esperienze, invece, non hanno abbastanza punti da connettere, e finiscono pertanto col produrre soluzioni molto lineari e banali, perché prive di una prospettiva ampia” (Steve Jobs).


Oltre che potenziare il funzionamento mentale verso la creatività, sul piano funzionale, gli effetti positivi della Mindfulness spaziano dalla riduzione di stress ed ansia, attacchi di panico, depressione, al sostegno attivo agli interventi di cura dell’insonnia, della bulimia nervosa e della fibromialgia.

Uno studio sui pazienti diabetici suggerisce inoltre che l’educazione all’autocompassione, alla gentilezza verso se stessi, possa ridurre la depressione e migliorare il quadro metabolico, riducendo significativamente l’emoglobina glicata. (la Grande Via – F. Berrino e L. Fontana)

NOVITÀ EYGEA
CONTATTI

Segreteria 011 4274121
Direzione
+39 333 1224744

Corso Allamano 70/5
Rivoli (TO)

EMAIL
info@eygea.it